Chi siamo | Diventa un volontario | Contatti
lun-ven: 10:00-12:00; 15:00-17:00 +339 8411477 info@equoevento.org

EQUOEVENTO LOMBARDIA: UNITI CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

A pochi giorni dall’approvazione alla Camera della legge contro gli sprechi, viene presentata a Milano Equoevento Lombardia Onlus

Equoevento Lombardia Onlus viene presentata ufficialmente a Milano. Fondata nel febbraio 2015 da dieci giovani professionisti, è la costola lombarda di Equoevento Onlus, nata a Roma nel 2013 da un’idea di quattro amici trentenni. In poco più di due anni, spinti dal desiderio di “aggiungere un pasto a tavola”, le due Onlus hanno partecipato a 300 eventi, recuperando 150.000 pasti e sostenendo più di trenta enti caritatevoli.

La presentazione Ph Credits Lodovico Colli di Felizano

A pochi giorni dall’approvazione alla Camera della legge contro gli sprechi alimentari (un fenomeno che solo in Italia vale 12 miliardi di euro l’anno), Equoevento Lombardia per la prima volta presenta a Milano la sua attività. «L’abbondanza di cibo è un valore positivo, purché non si trasformi in spreco», ha detto Gaia Passi, Presidente dell’associazione lombarda. «Con una semplice azione, Equoevento si propone di raggiungere tre grandi risultati: eliminare gli sprechi, contrastare la fame e ridurre i rifiuti, promuovendo così la cultura della solidarietà e della sostenibilità nel settore degli eventi».

A Milano, Equoevento Lombardia collabora con importanti realtà nel mondo dell’ospitalità, della ristorazione e degli eventi, tra cui Hilton Hotels e FederCongressi, sostenendo in modo continuativo associazioni benefiche come Opera Cardinal Ferrari Onlus, Centro Sant’Antonio e Progetto Arca Onlus.

«Il recupero è per me un obbligo morale e civile, un modus vivendi che tutti dovrebbero adottare», ha detto lo Chef Andrea Berton, sostenitore di Equoevento Lombardia Onlus. «Un bravo cuoco cerca di non buttare via nulla, usa la sua creatività per sfruttare ogni ingrediente nella sua totalità. Sostengo questo progetto perché riesce a trasformare il recupero in una grande opportunità, contrastando gli sprechi e aiutando chi è meno fortunato».

Alessia Rizzetto - Andrea Berton - Gaia Passi Ph Credits Lodovico Colli di Felizano

Per sostenere la propria attività Equoevento Lombardia Onlus presenta oggi due nuove iniziative.

Equo-aperitivi in collaborazione con La Tartina: aperitivi di raccolta fondi aperti a tutti, con cadenza mensile, in cui parte del ricavato sarà devoluto all’associazione. Un’occasione per conoscere i fondatori di Equoevento Lombardia, reclutare nuovi volontari e trascorrere una serata dedicata alla solidarietà. I primi Equo-aperitivi, in programma a La Tartina di via San Carpoforo 4, a Milano, saranno martedì 5 aprile e martedì 3 maggio 2016, dalle ore 19.00. I successivi appuntamenti saranno comunicati sulle pagine Facebook di Equoevento e de La Tartina. (Info: info@tartina.it – 02-36704900).

Equo Supper Club: otto ospiti, una casa d’autore, un artista e un grande chef per una cena privata all’insegna della sostenibilità. Un momento di condivisione e confronto tra persone diverse, accomunate dalla volontà di combattere gli sprechi promuovendo un cambiamento sociale.

Il primo appuntamento, su invito, sarà venerdì 15 aprile 2016 nella casa del gallerista Nicolas Bellavance Lecompte di Carwan Gallery. In cucina ci sarà Wicky Priyan, chef srilankese specializzato nell’arte del Kaiseki, l’alta cucina giapponese: durante la sua tesi in Criminologia ha vissuto sette mesi per le strade di Madras per comprendere la realtà degli homeless. La tavola invece sarà apparecchiata dall’artista Sabine Delafon, ideatrice del progetto “FAME”. Dal 2014, Sabine acquista dai mendicanti i loro cartelli in cartone, li fotografa e li trasforma in piatti di porcellana di Limoges in edizione limitata, che verranno donati ai commensali a fronte di una donazione.

Andrea Berton e Priyan Wicky Ph Credits Lodovico Colli di Felizano

 

 

Per informazioni

Gaia Passi – gaiapassi@hotmail.com – 339 1052622

Alessia Rizzetto – alessia@alessiarizzetto.com – 349 5284994

Lascia un commento